Contributo per parti trigemellari o per 4 o più figli

Programma straordinario che intende offrire alle famiglie con parti trigemellari e alle famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro un contributo economico.

Scadenza ore 12.00 del 31.10.2017.

Programma straordinario

Beneficiari e valore del contributo

I beneficiari del contributo sono le famiglie con parti trigemellari e con numero di figli pari o superiore a quattro, suddivisi in due distinte graduatorie secondo il valore crescente dell’ISEE.
Le famiglie con parti trigemellari saranno destinatarie di un contributo pari ad € 900,00.
Le famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro saranno destinatarie di un contributo pari ad € 125,00 a figlio.

 

Requisiti

Il contributo può essere richiesto da uno dei due genitori, purché in possesso dei seguenti requisiti, al momento della presentazione della domanda al Comune di residenza:

  • essere residente nella Regione del Veneto;
  • possedere un titolo di soggiorno valido ed efficace, nel caso in cui abbia una cittadinanza non comunitaria;
  • avere un ISEE in corso di validità da € 0 ad € 20.000,00;
  • avere avuto parti trigemellari oppure avere almeno 4 figli conviventi e non, di età inferiore o uguale a 26 (27 anni non compiuti) e a carico I.R.P.E.F

Procedimento

Il richiedente, entro il termine perentorio, pena l’esclusione della domanda, delle ore 12.00 del 31 ottobre 2017 deve compilare ed inviare al Comune di residenza la “DOMANDA DEL CONTRIBUTO ALLE FAMIGLIE CON PARTI TRIGEMELLARI E ALLE FAMIGLIE CON NUMERO DI FIGLI PARI O SUPERIORE A QUATTRO. ANNO 2017”, completa dei documenti

richiesti, con ogni mezzo consentito dalla normativa vigente (in caso di invio a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, al fine del rispetto del termine, fa fede la data del timbro dell’ufficio postale accettante).

Criteri per la formulazione della graduatoria

Criteri per la formulazione della graduatoria delle famiglie beneficiarie da parte della Regione del Veneto.

La Regione del Veneto provvederà a formulare le graduatorie in ordine crescente dell’ISEE, sino ad esaurimento del fondo destinato.

In caso di parità di ISEE, la Regione darà precedenza nella graduatoria ai nuclei in possesso (di uno o più) dei requisiti aggiuntivi sotto specificati, di cui verrà richiesta l’attestazione a seguito della verifica istruttoria:

  • stato di disoccupazione di uno dei due genitori, comprovato da apposita autocertificazione;
  • invalidità di uno dei componenti il nucleo familiare, comprovata da certificato rilasciato da Commissione medica.